Connection Information

To perform the requested action, WordPress needs to access your web server. Please enter your FTP credentials to proceed. If you do not remember your credentials, you should contact your web host.

Connection Type

AGANA

AGANA

Sei bella come i semi della bora
con i seni nella roggia e la frangia che gronda.
Giù al balcone ad aspettarti
al piano di sotto di altipiani aguzzi
smorzando la Tua sete con dardi di ghiaccio.

Ad essere stupidi sentimentali
o ruderi carsici ad aspettare
chissà quali disastri,
quando un disastro è già compiuto,
ad essere soli lo si vede meglio,
tra un cosmo, una collina, un sasso,
le tue tette nell’acqua
il mulinello della tua frangia divenuta: Adriatico.

 Liberamente tratta da Elysium di Bruno Clocchiatti

LA STORIA

Rientrando a casa sul ruscello vicino alla strada un uomo sentì una melodia meravigliosa, era un’Agana che con i piedi nell’acqua cantava. I loro sguardi si incrociarono e nacque l’intesa, lei acconsentì a sposarlo a patto che non la chiamasse mai Agana, altrimenti sarebbe sparita per sempre. Dal loro Amore nacque una figlia.
Un giorno l’Agana che aveva il potere della preveggenza, consigliò il marito di raccogliere il grano, aveva intuito che sarebbe scoppiato ben presto un terribile temporale, ma il marito si oppose perché il frumento non era ancora maturo. All’imbrunire Lei raccolse e mise a riparo tutto il grano e al mattino il marito furibondo imprecò “ Non capisci niente , sei una Agana! “ e a queste parole lei sparì in una nuvola di fumo.
Poche ore dopo una violenta bufera devastò tutti i raccolti, si salvò solo il grano raccolto dall’Agana. La vendita dei semi arricchì il marito che ben presto si risposò con una ragazza del paese.
La bambina intanto cresceva graziosa, la sua testa era sempre ben intrecciata ma nessuno si prendeva cura dei suoi capelli, allora una sera il marito incuriosito si nascose per vedere chi la pettinava.
Da sotto la porta entrò un fumo bianco e si materializzò la madre che era venuta per prendersi cura della bimba, l’uomo gridò “L’Agana”. E lei sparì questa volta per sempre. La leggenda narra che nel bosco dove la bimba andava a giocare nacque un bellissimo albero che tutti chiamarono l’Albero dell’Agana , ancora una volta la madre aveva trovato un modo per stare accanto alla sua bambina.

Liberamente tratto da “Agane Fate d’Acqua” di Barbara Bacchetti e Tatiana Dereani

  • Misure: 1,70 altezza circa
  • Peso: 150 Kg Circa
  • Materiali: Fieno, Corda, Legno, Viti.
  • Prezzo di base: a partire da € 1200

La figura è replicabile in ogni misura e in ogni posizione.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt